Lingue

  • Italiano
  • Deutsch


Per far parte della Community e per consultare in dettaglio i dati della tua abitazione:

Registrati al portale

Effettua il login

 

Coibentazione esterna muratura

Coibentazione esterna muratura

Avrei bisogno di un consiglio.Se dovessi andare a coibentare una struttura esistente in laterizio forato posato in piano (spessore 25 cm) degli anni 70/80 circa, e volendo per mia idea personale escludere un cappotto, quale sarebbe il metodo migliore?Pensavo ad una tramezza esterna in ytong spessore 12 cm potrebbe essere sufficiente? E magari prima stendere una guaina barriera vapore in verticale sull'intonaco esterno esistente?

Commenti

Ritratto di Fabio Zatta

Nuovo argomento su "Coibentazione esterna muratura" da discutere con la community

Da Fabio Zatta
Ritratto di Cecchet Cristian

dunque vale la pena fare 2 precisazioniIl sistema a cappotto solitamente viene fatto con pannelli MULTIPOR e non direttamente con ytonghai valutato il costo rispetto ad un cappotto tradizionale? credo sia decisamente superiorehai valutato a parità di spessore il grado d'isolamento (trasmittanza)? credo sia decisamente inferiore;per renderti conto di questo basta guardare le schede tecniche di un EPS o lana di roccia per cappotti e confrontarle con quelle dei pannelli MULTIPOR in questione (0.036 W/mK VS. 0.045 W/mK).La soluzione è ottima dal punto di vista tecnico (barriera vapore a parte), però onestamente a parte il fattore estivo vedo più lacune che effettivi vantaggi. 

Da Cecchet Cristian
Ritratto di vanoncini spa

buongiorno, noi trattiamo il cappotto interno con i prodotti termoriflettenti a basso spessore, ci sono soluzioni da 3cm con equivalenze di 13 cm di lane minerali, oppure in 5cm di spessore con equivalenze di c.ca 20 di lana.può veder le soluzioni ed i dati del materiale direttamente dal sito vanoncini cercando come soluzione materiali Actis, oppure mi contatti al 3485731563buon lavoro 

Da vanoncini spa
Ritratto di SETGAR COSTRUZIONI E RESTAURI

Buonasera, ho notato la vostra proposta di isolamento con prodotti termoriflettenti, ma visitando il sito della actis non ho compreso se questi isolanti sono direttamente intonacabili o rasabili o se una volta posati devono essere rivestiti con cartongesso o parete in laterizio.Avendo spesso a che fare con edifici storici sottoposti a vincolo sono materiali interessanti per il ridotto spessore.Potrebbe rimandare delle schede tecniche in quanto non sono consultabili quelle che ha già inviato.La ringrazio

Da SETGAR COSTRUZI...